Una storia di passione da 70 anni

Nel 1949 tre appassionati di sport fondarono la polisportiva “Società Ginnastica Adria Brindisi”, affiliata al CSI, con sede di allenamento nella palestra ex Galiano; I loro nomi erano Gabriele Giuffrè, Franco Melfi e “Spititu” Angelo Pennetta; oltre che di ginnastica si interessavano di pallacanestro, di pallavolo, calcio ed atletica leggera.

UNA SCUOLA DI FERMEZZA E COSTANZA

La più grande soddisfazione per un ginnasta deve essere quella di poter eseguire un movimento complesso e difficile dopo lunga applicazione superando il “proprio” limite. Qui, più ancora che nel conseguimento di una vittoria in gara, sta la segreta soddisfazione della ginnastica, sport fra i più completi per lo sviluppo armonico della mente e del fisico.

King composer

Read More

LA NOSTRA MISSION

Per fare un buon ginnasta occorrono tre cose fondamentali, diceva il prof. Giuffrè:

– l’atleta, con la sua intelligenza e le sue capacità;
– la palestra, con la sua organizzazione ed i suoi istruttori;
– la famiglia che abbia piena fiducia nell’associazione e non interferisca con essa.

UN FUTURO GRANDIOSO

Nuovi traguardi ci attendono nel campo sportivo e sociale con la segreta aspirazione di poter contribuire alla formazione fisica e morale dei giovani che manterranno viva la nostra associazione nei prossimi anni.

WE CREATE AWESOME STUFF

Aenean commodo ligula eget dolor. Aenean massa. Lorem ipsum dolor sit amet, consec tetuer adipis elit, aliquam eget nibh etlibura. Aenean commodo ligula eget dolor Aenean massa. Portals seize data-driven, tag expedite. Deliverables users, seamless beta-test implement tag, communities virtual, global, solutions synthesize.

Read More

Gli anni 50-60

Nei primi anni ’60 ebbe inizio l’era del presidente Dott. Salvatore Botrugno che fu di forte sostegno all’azione tecnica di Giuffrè. Un ricordo particolare va al Prof. Libero Balani, coordinatore di educazione fisica del Provveditorato agli Studi di Brindisi grande sostenitore ed amico di Giuffre’ così come il Prof. Antonio Torino ed il Prof. Amilcare Oddo. Tra gli atleti più apprezzati di quel periodo ricordiamo i fratelli Fusco ed in particolare il fortissimo Pino ottimo ginnasta agli anelli, l’acrobatico Derio Camassa, Agostino Gigante, Gianfranco Maggiore “Pipu all’acitu”, Pino Marra (32 granvolte), Giovanni Pignataro e Umberto Zumbo. Seguirono subito dopo Enio De Cesare, Mimino AndrianiClaudio Delli Santi e Gaetano Falco.

Successivamente, nel 1964, Giuffrè fu affiancato nella conduzione tecnica dalla indimenticata Prof. Marisa Bruno che avviò un programma di Artistica Femminile annoverando fra le sue ginnaste di spicco Anna Massaro che gareggiò anche in campo Nazionale. Sul finire degli anni 60 si avvicinarono nuove generazioni di atleti: le sorelle Paola, Luisa e Bruna Torino, Massimo Monticelli, Francesco Savina, Paolo Puosi, Dino De Castro, Anna Maria De Castro, Antonio Lavino, Fabio Monticelli e Sergio De Cesare. Istruttori erano divenuti Derio Camassa, Enio De Cesare, Mimino Andriani e Anna Massaro.

Gli anni 80

Nel 1985 per merito di tre intraprendenti, ex ginnasti (De Cesare, Monticelli, De Castro), nacque la nuova e più innovativa  sede sociale, la Palestra Temese e con essa, tutto il nostro movimento di ginnastica; con l’importante collaborazione di Cosimino De Castro affittarono e ristrutturarono  un vecchio stabilimento vinicolo di circa 700 mq di superficie dedicato solo alla ginnastica: era la realizzazione di un sogno.

Cambiò completamente l’assetto societario e con esso la qualità e quantità dell’offerta formativa di ginnastica. Assunse la presidenza Enio De Cesare. Nacque una nuova generazione di istruttori: Anna Maria De Castro, Michela Cosolo, Antonio Lavino, Dino  De Castro, Laura Brugnola, Anna Rita Fischetto, Virginia Bernardini, Adriano Barranco, Virginio Napolitano, Giulia Palmitessa e Lucio Nigro.

Tra gli atleti più rappresentativi vanno ricordati sia per i risultati ottenuti  che per la rettitudine dimostrata nella vita di tutti i giorni. Nell’Artistica Maschile: Mirko De Cesare, Marco Delli Santi, Marco Cavalera, Fabio Ferrari, Paolo TamburranoFrancesco Francioso, Lorenzo Pallara, Francesco Cacciatore, Francesco De Cesare, sotto la guida di Massimo Monticelli; 

Nella Ritmica Sportiva: Rossana e Chiara Francioso, Rossana Minervini, Ilaria  ed Anna Gloria Flores, Roberta Aretano, Tiziana Petrosillo, Annalisa Galiano, Silvia e Sonia Lapomarda, Dell’Angelo Custode Tiziana, Valeria Magrì, Stefania D’Arpa, Giorgia Brandi, Titi Valeria, Alessandra Nocco (convocata nei collegiali nazionali) allenate da Anna Maria De Castro. Con Federica Durano conquista il titolo italiano nella specialità due nastri.

Nell’Artistica Femminile: Cristiana Marra, Stefania e Tamara Chiavarini, Alessandra Andrisano, Elisa Caramia, Francesca Ruggero, Anne Le Borgne, Francesca Zongoli, Chiara e Barbara Furguglietta, Gellia Specchia, Daniela Scivales, Toma Antonella, Sara Laus e Laura Mazzotta  con la guida di Dino De Castro e Michela Cosolo.

Il cambio della sede sociale

Nel 2007 fummo costretti a cambiare sede sociale. Ci trasferimmo presso la vecchia palestra ex Galiano, ristrutturata completamente dal Comune di Brindisi e data in concessione alla nostra associazione. La palestra è stata intitolata ad un esimio professore di educazione fisica Amilcare Giuseppe Oddo.

Nel secondo decennio degli anni 2000 abbiamo raggiunto importanti risultati nel Trampolino Elastico con la guida tecnica di Ilenia Gragiulo che nel 2011 e nel 2013  ha portato a conquistare il titolo italiano nel Campionato assoluto di synchro con gli atleti Stefano Crastolla e Matteo De Michele. Il trampolino ha continuato ad essere la sezione che ha dato i risultati più importanti a livello nazionale ed internazionale.

Particolare merito alla tecnica Ilenia Gargiulo che ha costruito un importante gruppo di atleti di ottima levatura. Fra tutti Marco Lavino, giovanissimo atleta ormai stabilmente nel Team Italia. Ha già vinto diverse competizioni e titoli a livello nazionale ed ha partecipato a molte competizioni internazionali in rappresentanza della nostra nazione. È l’atleta su cui la Federazione sta investendo per il futuro di questa specialità olimpica. L’altro nostro atleta di punta è Antonio Robassa che, in coppia con Lavino, ha conquistato il titolo nel Campionato assoluto synchro di trampolino elastico nel 2015 e nel 2017. Ma la sezione non si esurisce con questi giovani atleti. Vanno ricordati nella categoria juniores a livello nazionale, Adriano Lopalco, Giorgia Di Paola, Giorgia Pica, Carlotta Battista, Maria Pia Palombella; nelle allieve Noemi Orfano, Giada Cassano, Maura Sammarco, i fratelli Samuele, Stefano ed Elisabetta Balestra, Caterina Pennetta, Michela Leto. Grande attenzione viene posta al vivaio dove crescono le nuove leve che sono seguite e monitorate da due istruttori di consolidata esperienza come Antonio Lavino e Gabriella Petri.

Nella sezione di Ritmica Sportiva, seguita da Anna Maria De Castro e Francesca Robassa, si sono affacciate le nuove leve che cominciano a farsi notare nel mondo di questa disciplina: Alice Pipino, Vittoria Neri, Claudia Zongolo, Rebecca Bevilacqua, Ginevra Montanaro, Clara Stasi e Francesca Marra.

Gli anni 70

Nel ’74 divenne presidente l’ing. Francesco Santostasi che diede un assetto societario più al passo con i tempi. È proprio in questi anni che iniziò l’attività della Ritmica Sportiva.

Iniziò anche il peregrinaggio tra le poche strutture disponibili per gli allenamenti: la palestra della scuola media Giulio Cesare e quella dei Vigili del Fuoco.

Si rinnovarono anche i quadri tecnici sempre sotto la guida discreta ed attenta di Giuffrè ed i “nuovi” istruttori furono: Massimo Monticelli per l’Artistica Maschile, Anna Massaro per l’Artistica Femminile e Paola Torino per la Ritmica Sportiva. Alla presidenza si alternarono Corrado Petri e Antonio Piliego. Si distinse in maniera particolare Massimo Monticelli che successivamente portò nel Centro di preparazione Olimpica, il ginnasta Francesco Savina. Fra i suoi giovani  atleti vanno ricordati anche Luigi Piliego e Fulvio Marra.

Nell’artistica femminile Anna Massaro avviò una competitiva squadra femminile con Cinzia Tasco, Teresa Santostasi, Michela Cosolo, Giusy Piliego, Loredana Aresu, Rosa Sangio e Margherita Di Campi. Paola Torino con Valeria Taliento ottenne intanto i primi risultati positivi  nella Ritmica Sportiva con Giulia e Luciana Palmitessa, Angela Tarì ed Anna Maria De Castro.

Dal 1979 la presidenza passò nelle mani di Giuffrè che si alternò con Monticelli fino al 1984; i due riuscirono, fra mille difficoltà, a far sopravvivere la Ginnastica Brindisi che, grazie alla loro incrollabile passione, continuò l’attività in palestre improvvisate e formò nuovi ginnasti e ginnaste. Usuale luogo di allenamento divenne la palestra della ex scuola media Rubini (Palazzo Guerrieri).

Gli anni 90 / 2000

Nel 1990 entrò a far parte delle nostre attività anche il Trampolino Elastico. 

Fra gli atleti di maggiore spicco ricordiamo Ilenia Gargiulo, Giuseppe Martina, Mario Martina e  Tiziana Furguglietta, allenati da Antonio Lavino; Marco Delli Santi e Stefano Crastolla allenati da Massimo Monticelli .

Negli anni 2000 la Federazione Ginnastica aprì a nuove attività, come il Fitness: l’aerobica fu la nuova disciplina che cominciammo a praticare con la solita filosofia. Fra i migliori atleti annoveriamo Francesco Cacciatore, Barbara Spagnolo, Giulio Corciulo e Alessandra Perduno, fra gli istruttori Angela Calabrese e Cinzia Curiale.

Intanto altri atleti ed istruttori continuavano a tenere vivo lo spirito della nostra associazione: fra gli istruttori Lidia Caniglia, nuovo punto di riferimento per l’artistica femminile con le atlete Isabella Stefano, Fabiana Pennetta, Veronica Vantaggiato, Eleonora Aguzzi, Antonella e Raffaella Orsini, Maria Pia Fischetto, Maria Iolanda e Ilaria Distante, Marika Guarini, Pennetta Ilenia e Sara Carbonara per la Ritmica Sportiva, allenate da Anna Maria De Castro.

Per il Trampolino Elastico cominciò la sua ascesa Stefano Crastolla che, agli inizi degli anni 2000, entrò a far parte del Team Italia. Fu costretto ad allenarsi presso l’Accademia nazionale di Milano per la mancanza di una idonea struttura a Brindisi. 

Fra le giovani promesse  del trampolino ricordiamo Matteo De Michele, Alessandro e Massimiliano Monticelli; per la Ritmica Sportiva Chiara Magrì, Francesca e Chiara Scigliuzzo, Greta Cataldi ed Irma Carbonara, allenate da Anna Maria De Castro. In particolare Irma Carbonara conquistò il titolo italiano con il nastro nel 2005 mentre nel 2006 partecipò alla fase finale del Campionato Italiano di serie C e nel 2008 conquistando il titolo italiano nella classifica assoluta con i tre attrezzi nastro, clavette e fune di mare di ginnastica. 

Fra gli istruttori di Fitness annoveriamo Maria Pia D’Astore e  per il trampolino l’emergente Ilenia Gargiulo.

Nell’Artistica Femminile, seguita da Fabiana Pennetta, le nuove leve sono rappresentate da  Carlotta Limongelli, Lucia Marchese, Sergio Nicole e Abate Carlotta.

In tutti questi anni di attività un ruolo fondamentale hanno rivestito i segretari ed i tesorieri che si sono alternati nella gestione economica ed organizzativa, immedesimandosi nei tanti problemi che quotidianamente si sono sempre presentati. Negli anni ’70 Rita Cosolo; agli inizi degli anni ’80 Lidia Monticelli; nei primi anni ’90 Carlo Calabrese seguito poi da Tiziana Cacciatore; infine negli anni 2000  Maria Teresa Marino, Elsa Tricarico, Romina Menga, l’attuale Giuditta Maggiore ed il tesoriere Gianfranco Corpus.

Un doveroso pensiero va a tutti i genitori che negli anni ci hanno affidato i loro figli confidando nelle nostre capacità tecniche, morali ed umane.

1949 – 2019

In questo 2019 festeggiamo 70 anni di attività trascorsi all’insegna dell’amore verso questa disciplina bellissima e verso i nostri atleti.

Concludiamo questa sintetica presentazione della nostra vita sociale con l’insegnamento del nostro fondatore e Professore Gabriele Giuffre’:

La più grande soddisfazione per un ginnasta deve essere quella di poter eseguire un movimento complesso e difficile dopo lunga applicazione superando il “proprio” limite.

Questo è il segreto del ginnasta più ancora che la vittoria in una gara, 

Per fare un buon ginnasta occorrono tre cose fondamentali, diceva il prof. Giuffrè:

  1. l’atleta, con la sua intelligenza e le sue capacità;
  2. la palestra, con la sua organizzazione ed i suoi istruttori;
  3. la famiglia che abbia piena fiducia nell’associazione e non interferisca con essa.

  

 La ginnastica è scuola di fermezza e di costanza.      

Nuovi traguardi ci attendono nel campo sportivo e sociale con la segreta aspirazione  di poter contribuire alla formazione fisica e morale dei giovani  che manterranno viva la nostra associazione nei prossimi  anni.

IL PRESIDENTE

Ing. Enio De Cesare 

Cosa dicono di noi